Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Maggio

Venerdi 7 · S. Domitilla

At 15,22-31; Sal 56; Gv 15,12-17.

Ti lodero' fra i popoli, Signore.


Sabato 8 · Maria Madre della Chiesa

At 16,1-10; Sal 99; Gv 15,18-21.

Acclamate il Signore, voi tutti della terra.

Chiesa Madre:
Ore 17,30 S. Rosario
Ore 18,00 S. Messa e supplica alla Madonna di Pompei


Domenica 9 · S. Pacomio

At 10,25-26.34-35.44-48; Sal 97; 1Gv 4,7-10; Gv 15,9-17.

Il Signore ha rivelato ai popoli la sua giustizia.

Ore 18,00 S. Rosario
Ore 18,30 S. Messa


Lunedi 10 · S. Gordiano; S. Cataldo

At 16,11-15; Sal 149; Gv 15,26-16,4a.

Il Signore ama il suo popolo.


Martedi 11 · S. Ignazio da Laconi

At 16,22-34; Sal 137; Gv 16,5-11.

La tua destra mi salva, Signore.

Ore 17,30 - S. Rosario
Ore 18,00 - S. Messa


Mercoledi 12 · S. Pancrazio; Ss. Nereo e Achilleo; S. Lepoldo Mandic

At 17,15.22 – 18,1; Sal 148; Gv 16,12-15.

I cieli e la terra sono pieni della tua gloria.


Giovedi 13 · Beata V. Maria di Fatima

At 18,1-8; Sal 97; Gv 16,16-20.

Il Signore ha rivelato ai popoli la sua giustizia.

Ore 17,30 - S. Rosario
Ore 18,00 - S. Messa


LITURGIA

I VENERDI DI QUARESIMA IN ASCOLTO DELLA PAROLA

MATTEO 9,14-15
18-02-21


1) Preghiera

Accompagna con la tua benevolenza,
Padre misericordioso,
i primi passi del nostro cammino penitenziale,
perché all’osservanza esteriore
corrisponda un profondo rinnovamento dello spirito.

Per Cristo nostro Signore. Amen

2) Lettura del Vangelo

Dal Vangelo secondo Matteo 9,14-15

In quel tempo, giunto Gesù all’altra riva del lago, nella regione dei Gadareni, gli si accostarono i discepoli di Giovanni e gli dissero: “Perché, mentre noi e i farisei digiuniamo, i tuoi discepoli non digiunano?”.

E Gesù disse loro: “Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto mentre lo sposo è con loro? [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

SOLO NELLA FORZA DELLA FEDE, PUO’ RINASCERE LA SPERANZA DI UN POPOLO

Messaggio d’auguri per la S. Pasqua.
04-04-21

Carissimi fratelli e sorelle nel Signore,                                                            

domenica 28 marzo, con la celebrazione delle Palme, ingresso di Gesù a Gerusalemme, la città Santa, è iniziata la settimana più importante per noi cristiani, che culmina con i giorni del Triduo Pasquale. Riviviamo nella bellezza della liturgia l’ultima cena di Gesù, con il dono dell’Eucaristia, il Giovedi Santo, la sua passione e morte in croce, atto di supremo amore, Venerdi Santo, il silenzio del Sabato Santo, e infine la gioia della Risurrezione, nella veglia della sera e nella domenica di Pasqua.

Il   momento è ancora  difficile, a causa dell’epidemia che ci accompagna da più di un anno, e dovremo vivere le feste pasquali in condizioni che limitano la vita delle nostre famiglie: tutti ci auguriamo  di uscire nei prossimi mesi dall’emergenza,  perché avvertiamo ormai  stanchezza e logoramento, e siamo  tentati di chiuderci nel nostro piccolo orizzonte, dimenticando chi soffre, chi è malato, chi è in gravi difficoltà economiche, allontanando lo sguardo da situazioni gravi di violenza, di guerra, di miseria che prostrano interi popoli, spesso invisibili ai nostri occhi.

Io e Padre Domenico, vorremmo in questo momento farci vicino a chi sente di più la prova e la fatica di questo tempo: il nostro primo pensiero va ai malati, negli ospedali e nelle case, a chi si prende cura di loro, agli operatori sanitari, ai tanti volontari. Che il Signore faccia sentire a ciascuno la sua vicinanza e che presto, procedendo le vaccinazioni, si riducano i contagi e chi è ricoverato in qualche nosocomio, possa ricevere la visita dei familiari, vero balsamo per ogni cuore.

Pensiamo poi agli anziani, talvolta soli nelle loro case, oppure ospiti nelle residenze socio-assistenziali o in altre strutture di cura e di accoglienza. Da troppo tempo sono isolati, per evitare il contagio, eppure hanno bisogno di tornare a incontrare i propri cari, con le dovute precauzioni.
Auguriamo  che nelle prossime settimane il proseguimento della vaccinazione dei nostri anziani vada avanti celermente e presto possano ricevere la visita e rivedere il volto di qualche familiare.
Pensiamo  infine alle famiglie: non poche di esse affrontano varie difficoltà, spesso  i bambini, i ragazzi, i giovani devono seguire da  casa  le lezioni.  Si fatica a far seguire la didattica a distanza, e sono   evidenti segni di disagio tra bambini e adolescenti, con ricadute anche gravi sotto il profilo sociale, psicologico e spirituale. Preghiamo e speriamo che presto ci siano le condizioni per riprendere le attività didattiche in presenza e che si attivi un impegno da parte di tutti per la crescita e la formazione delle giovani generazioni, iniziando dai più piccoli.

In questi giorni, tuttavia, abbiamo l’occasione e la grazia di ritornare alla sorgente autentica della nostra speranza, celebrando gli eventi della Pasqua di Gesù, nei giorni della Settimana Santa: proprio nella forza della fede, può rinascere la speranza di un popolo, la speranza di un bene più forte di ogni male, di una vita più potente di ogni morte.

Questo è il dono di Cristo per noi, per questo tempo!

Buona e Santa Pasqua per tutti voi e per le vostre famiglie.

Padre Vincenzo D’Arrigo

Padre Domenico Manuli




twitter logo

"Il cristiano non segue i suoi capricci, ma il richiamo dell’amore, la voce di Gesù."

Tweetato il 7 Maggio da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.