Mercoledì 12 febbraio, Ottava di Sant'Agata: ore 16.00 S. Messa.

CALENDARIO PARROCCHIALE

Febbraio

Giovedi 27


Venerdi 28


Sabato 29


Marzo

Domenica 1


Lunedi 2


Martedi 3


Mercoledi 4


LITURGIA

La Vergine Maria e il "Messaggio di Lourdes"

Nella foto: Padre Vincenzo a Lourdes celebra la S. Messa nella Grotta delle Apparizioni
10-02-20


1858, Lourdes. Ai piedi dei Pirenei, è  un paese di tagliapietre e contadini.

La famiglia Soubirous è in rovina, ridotta a vivere in un luogo prima adibito a prigione, ma che viene ritenuto inidoneo anche per i carcerati: il  Cachot.

L' 11 febbraio, Bernadette, sua sorella Toinette e una loro amica, Jeanne Abadie, vanno in cerca di legna. Si dirigono verso "il luogo dove il torrente si getta nel Gave". Arrivano dinanzi alla grotta di Massabielle. Questa é poco meno di una discarica, piena di detriti portati dal fiume, di rifiuti dei maiali,  ma anche di legna da poter raccogliere. Toinette e Jeanne attraversano l'acqua ghiacciata del torrente per raggiungerla, ma Bernadette, a causa della sua asma cronica, esita a [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

UNA IMMANE TRAGEDIA HA COLPITO DUE FAMIGLIE E TUTTA INTERA LA COMUNITA' DI ALI' TERME

LA TRAGICA MORTE DI STEFANIA ARDI' E DI ANDREA TRINGALI, AVVENUTA GIOVEDI 7 MAGGIO
09-05-15

È possibile dire qualcosa che dia speranza di fronte alla morte di una giovane vita?

Qualsiasi possa essere la circostanza e il modo in cui viene a mancare una persona giovane, si tratta sempre e comunque di una immane tragedia che toglie il respiro e lascia, più o meno tutti senza parole. La convinzione comune è che un giovane non può e non deve morire; la morte in questi casi sembra una profonda ingiustizia di cui molto spesso si attribuisce la responsabilità a Dio stesso, a qualche persona, alla natura maligna, al fato o al destino avverso. Quando viene a mancare una giovane vita, sono per lo più i genitori e gli affetti più vicini ad interrogarsi e a gridare il loro dolore: “Dio non doveva farmi questo”. La morte di una persona cara è difficile da accettare ad ogni età. Ognuno, quando se ne va, lascia, per quanto piccolo, un vuoto: nel luogo dove vive, fra gli affetti più vicini, i parenti, gli amici e i conoscenti. Questo vuoto appare immenso e incolmabile quando ad essere stroncata è una giovane vita. La fine di una esistenza nel fiore dei suoi anni, mette in crisi chiunque: credente e non credente; non lascia indifferente nessuno. Appare ai più come questo!, “Che cosa ho fatto di male per meritarmi questo castigo?”, “Senza di lui la mia vita non ha più senso”, “Voglio morire anch’io!”. Ma anche i suoi coetanei sono direttamente coinvolti e il fatto interroga sempre e in profondità anche la loro esistenza: “Perché questo?”, “Alla luce di ciò che è accaduto qual è il senso della mia vita?”.

In modo particolare nella mamma. È il dolore che ha provato e vissuto la Vergine Madre. Ma è anche il dolore stesso di Dio. Di quel Dio padre che il Cristo, suo Figlio, con la sua vita e soprattutto con la sua morte ci ha rivelato. Un dolore a pensarci bene “innaturale”, perché la natura vuole che muoiano prima i genitori che i figli. Certo anche i figli provano dolore quando vengono a mancare i loro cari, ma è così nella natura delle cose. Quando muore un figlio, una figlia, si entra davvero in un mistero fitto per tutti. Per il credente si entra nel mistero tutto cristiano della croce e di quell’Amore folle fra il Padre, il Figlio e lo Spirito, fra i Tre che sono Uno, in cui la croce stessa del Figlio è iscritta e che nasconde, ma anche ci dona, il segreto della vera Vita.

 

 Solo Dio può dire qualcosa                                                                                         

Mai come in casi come questi è necessaria, da parte del sacerdote celebrante, una ricerca paziente, della parola di Dio da far risuonare nell’assemblea durante la celebrazione. Il Lezionario per il rito delle esequie è ricco di testi, ma non basta. Chi è chiamato a predicare in questa circostanza, deve prima di tutto mettersi in uno stile di preghiera che chieda al Signore quale sia la parola che Lui vuole dire per illuminare questo momento di buio più che mai fitto. Non dobbiamo mai dimenticare che è la sua parola che dà la Vita, non le nostre; che la sua parola è vera Luce e che solo questa Luce, proprio nel buio più fitto, ci aiuta a vedere lontano, fino alle stelle e anche oltre. Ci aiuta a vedere anche quello che di giorno di solito non si vede. La sua parola e una nostra discreta risonanza, se non addirittura il nostro silenzio, sono in molti di questi casi la miglior omelia e il miglior conforto che possiamo offrire a chi è nel totale sconcerto per la terribile prova che sta vivendo.




twitter logo

"La #Quaresima è tempo di grazia, per riconoscere che le nostre misere #ceneri sono amate da Dio, per accogliere lo… https://t.co/63Iz9WHXff"

Tweetato il 26 Febbraio da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.