Dal 21 aprile hanno avuto inizio i "Martedì in onore di S. Agata". S. Messa alle ore 18.30.

CALENDARIO PARROCCHIALE

Luglio

Mercoledi 8


Giovedi 9


Venerdi 10


Sabato 11


Domenica 12


Lunedi 13


Martedi 14


LITURGIA

IL SANTO DEL PANE

La tradizione di benedire il pane in onore di S. Antonio e di distribuirlo in cambio di offerte a sostegno delle opere caritative affonda la propria origine nel miracolo della risurrezione, per intercessione del Santo di Tommasino.
12-06-20

Riproponiamo il racconto del miracolo della risurrezione del piccolo Tommasino come riportato da P. Vergilio Gamboso, ofm conv nel suo volume Libro dei miracoli di Sant’Antonio di Padova.               

Un bimbo di venti mesi, di nome Tomasino, i cui genitori avevano l’abitazione vicino alla chiesa del beato Antonio, in Padova, fu lasciato incautamente da sua madre accanto a un recipiente pieno d’acqua. Allorché quella donna fece ritorno a casa, vedendo emergere i piedi del bambino da quel mastello, vi si precipitò, e vide che la testa del figlio stava all’ingiù, nel fondo del recipiente, mentre i piedi si levavano sopra. Urlando trasse fuori il piccino, ormai rigido e [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

CONCLUSO IL CONVEGNO SULLA FESTA GRANDE DI ALI’ CON LA PROIEZIONE DI UN VIDEO CHE “RACCONTA” LE EDIZIONI DELL’ULTIMO SECOLO

Grazia Magazzù: «siamo alla ricerca di altro materiale per completare il DVD».
07-08-17

Cliccare sulla foto accanto per seguire gli interventi alla seconda parte del convegno.

Si è svolta domenica sera «la seconda facciata di quella che può essere considerata un’unica moneta»: la due giorni del convegno sulla Festa Grande di S. Agata. Nel presentare la seconda sessione dei lavori, svoltisi sempre in Chiesa Madre, Padre Vincenzo ha detto: «il video che sarà proiettato questa sera non tratta un’unica festa, quella celebrata l’anno scorso, così come fatto ieri sera, ma riguarda la sintesi di più feste, a partire dal 1938, con alcune testimonianze e qualche foto e poi, dal 1978, con le riprese video».

«Queste immagini, questi ricordi – ha sottolineato ancora una volta il Parroco di Alì - fanno parte della nostra storia, della storia della nostra comunità. Ed è bene non perdere questo tesoro. Rischiamo veramente di perdere la ricchezza delle tradizioni, della storia della nostra comunità».

La serata è stata incentrata sulla proiezione di un video che è stato realizzato lo scorso anno in occasione della festa, per essere proiettato in chiesa e consentire, così, ai visitatori di vedere lo svolgimento della manifestazione religiosa così come avvenuto nelle edizioni precedenti. Un lavoro fatto a più mani che poi è stato assemblato da Mimmo Triolo che ne ha fatto un vero e proprio documentario storico. Per le edizioni del 1938 e del 1958, non avendo a disposizione filmati, ma solo qualche foto, si è fatto affidamento su testimonianze di aliesi che hanno vissuto o hanno partecipato all’organizzazione dei festeggiamenti.

Si è trattato di un’anteprima, perche il video è in progress, sarà ultimato al più presto per poi consentirne la diffusione. A tale scopo, i presenti sono stati invitati a fornire eventuale altro materiale che possa servire per arricchire il documentario.

Anche Grazia Magazzù che ha introdotto la proiezione, si è soffermata sul valore di queste feste in quanto «momenti di aggregazione importanti dove si ritrova l’identità di un popolo. Finché ci saranno queste feste le identità dei nostri centri, anche se di piccole dimensioni, resisteranno».

Poi continua dicendo: «Il mio interesse è prevalentemente musicologico. Ma la tradizione del suono è molto importante nella nostra festa, se ci pensiamo bene tutto si svolge al suono degli strumenti tradizionali e con il ballo: possiamo dire che si inizia col ballo e si finisce col ballo».

Si tratta certamente di un bel lavoro che ci consente di mettere a confronto le modalità di svolgimento delle varie edizioni della Festa Grande, ma anche di conoscere usi e costumi del nostro popolo, dell’ultimo secolo di storia.

Si conclude così la due giorni dei lavori, che ha visto la partecipazione di tanti spettatori, curiosi di vedere le immagini proposte e di ascoltare i relatori che si sono alternati, ma anche di testimoniare la volontà di mantenere vive le tradizioni aliesi.




twitter logo

"La fede ci fa camminare con Gesù sulle strade del mondo, nella certezza che la potenza del suo Spirito piegherà le… https://t.co/MeoAYMT6ml"

Tweetato il 6 Luglio da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.