Mercoledì 12 febbraio, Ottava di Sant'Agata: ore 16.00 S. Messa.

CALENDARIO PARROCCHIALE

Febbraio

Martedi 18 · S. Elladio; S. Geltrude Comensoli; B. Giovanni da Fiesole

Gc 1,12-18; Sal 93; Mc 8,14-21.

Beato l'uomo a cui insegni la tua legge, Signore.

S. Messa ore 17,30.


Mercoledi 19 · S. Mansueto; S. Proclo; B. Corrado Confalonieri

Gc 1,19-27; Sal 14; Mc 8,22-26.

Signore, chi abitera' sulla tua santa montagna?


Giovedi 20 · S. Eucherio; S. Giacinta Marto; S. Leone di Catania

Gc 2,1-9; Sal 33; Mc 8,27-33.

Il Signore ascolta il grido del povero.

S. Messa ore 17,30.


Venerdi 21 · S. Pier Damiani; B. Maria Enrica Dominici

Gc 2,14-24.26; Sal 111; Mc 8,34-9,1.

La tua legge, Signore, e' fonte di gioia.


Sabato 22 · CATTEDRA DI SAN PIETRO

1Pt 5,1-4; Sal 22; Mt 16,13-19.

Il Signore e' il mio pastore: non manco di nulla.


Domenica 23 · S. Policarpo

Lv 19,1-2.17-18; Sal 102; 1Cor 3,16-23; Mt 5,38-48.

Il Signore e' buono e grande nell'amore.


Lunedi 24


LITURGIA

La Vergine Maria e il "Messaggio di Lourdes"

Nella foto: Padre Vincenzo a Lourdes celebra la S. Messa nella Grotta delle Apparizioni
10-02-20


1858, Lourdes. Ai piedi dei Pirenei, è  un paese di tagliapietre e contadini.

La famiglia Soubirous è in rovina, ridotta a vivere in un luogo prima adibito a prigione, ma che viene ritenuto inidoneo anche per i carcerati: il  Cachot.

L' 11 febbraio, Bernadette, sua sorella Toinette e una loro amica, Jeanne Abadie, vanno in cerca di legna. Si dirigono verso "il luogo dove il torrente si getta nel Gave". Arrivano dinanzi alla grotta di Massabielle. Questa é poco meno di una discarica, piena di detriti portati dal fiume, di rifiuti dei maiali,  ma anche di legna da poter raccogliere. Toinette e Jeanne attraversano l'acqua ghiacciata del torrente per raggiungerla, ma Bernadette, a causa della sua asma cronica, esita a [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

IN UN QUARTIERE DI ALI’ ALLESTITO PRESEPE CON LA RIPRODUZIONE DEL CILIO DEL PANE

La premiazione de “Il presepe più bello nei quartieri di Alì” non si è svolta a causa delle cattive condizioni del tempo.
22-01-17

Anche se problemi di carattere meteorologico non hanno consentito lo svolgimento del momento conclusivo del concorso “Il presepe più bello nei quartieri di Alì”, giunto alla sesta edizione, bisogna comunque fare un plauso a quanti si sono prodigati per l’allestimento delle rappresentazioni della Natività e per l’addobbo dei relativi quartieri. Pochi o tanti che siano stati non importa, bisogna comunque apprezzare il lavoro di quanti in diverse occasioni si sono impegnati e che continuano ad impegnarsi per rendere più dinamica la nostra piccola comunità, cercando di contribuire alla rimozione di quel velo di torpore che si sta espandendo in questi ultimi tempi. Quando c’è l’unità di intenti la popolazione è in grado di attivarsi e i risultati si vedono: questo sembra essere l’insegnamento che ci è giunto dalla mobilitazione generale registrata durante lo svolgimento della festa decennale dello scorso anno.

In quest’ultimo Natale i presepi realizzati si sono ispirati ai motivi classici che la tradizione ci propone. In questa sede, però, senza nulla togliere agli altri, vorremmo metterne in evidenza uno in particolare, quello realizzato da Filippo Roma nella via Paolo Ferrantello. In questo presepe è stato inserito un elemento tipico della nostra comunità, che richiama un’antica tradizione: la Festa Grande. In questa ricostruzione scenica della nascita di Gesù, oltre alla grotta, ai pastorelli, al fiume e al muschio è stata inserita anche la riproduzione del cilio del pane in miniatura. La struttura misura 23 centimetri ed è stata rivestita di tessuto rosso, sul quale sono state fissate delle formelle di pane azzimo. Questo particolare, certamente inesistente oltre 2000 anni fa, vorrebbe quasi legare l’Evento della Natività a quello appena svoltosi l’estate scorsa ad Alì in onore di S. Agata, attualizzando, così, la nascita di Gesù e identificando quella Gente in adorazione con il popolo aliese. Del resto ogni 25 dicembre i fedeli vengono invitati a rendere omaggio al Redentore che si fa uomo.

Anche se non si è potuto procedere alla premiazione de “Il presepe più bello nei quartieri di Alì”, non bisogna sottovalutare l'importanza della manifestazione che ha come scopo quello di rendere il nostro paese più vivo ed accogliente. Si spera che simili iniziative non manchino in futuro.




twitter logo

"Ognuno di noi ha qualcosa che si è indurito nel cuore. La medicina contro la durezza del cuore è la memoria, ricord… https://t.co/C4z0HssJrg"

Tweetato il 18 Febbraio da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.