Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Maggio

Domenica 19 · S. Pietro Celestino; S. Crispino da Viterbo

Benediro' il tuo nome per sempre, Signore.

At 14,21b-27; Sal 144; Ap 21,1-5a; Gv 13,31-33a.34-35.

Ore 17,30 - Oratorio
Ore 19,00 - S. Messa


Lunedi 20 · S. Bernardino da Siena; S. Lidia

Non a noi, Signore, ma al tuo nome da' gloria.

At 14,5-18; Sal 113B; Gv 14,21-26.


Martedi 21 · Ss. Cristoforo Magallanes e c.; S. Carlo Eugenio de Mazenod

I tuoi amici, Signore, proclamino la gloria del tuo regno.

At 14,19-28; Sal 144; Gv 14,27-31.

Chiesa Madre:
Ore 18,00 - S. Rosario
Ore 18,30 - S. Messa


Mercoledi 22 · S. Rita da Cascia ; S. Giulia

Andremo con gioia alla casa del Signore.

At 15,1-6; Sal 121; Gv 15,1-8.

Piazzetta S. Rita:
ore 18,00 - Rosario
ore 18,30 - S. Messa


Giovedi 23 · S. Desiderio; S. Onorato

Annunciate a tutti i popoli le meraviglie del Signore.

At 15,7-21; Sal 95; Gv 15,9-11.

Chiesa del Rosario:
ore 18,00 - S. Rosario
ore 18,30 - S. Messa


Venerdi 24 · B.V. Maria Ausiliatrice; S. Vincenzo di Lerins; S. Servulo

Ti lodero' fra i popoli, Signore.

At 15,22-31; Sal 56; Gv 15,12-17.


Sabato 25 · S. Beda ; S. Gregorio VII ; S. Maria M. de’ Pazzi

Acclamate il Signore, voi tutti della terra.

At 16,1-10; Sal 99; Gv 15,18-21.


LITURGIA

"ECCO IL MAGGIO A NOI RITORNA"

Il mese di maggio è dedicato alla Madonna
01-05-19


“Ecco il maggio a noi ritorna…”, così,una popolare canzoncina dedicata alla Madonna per l’inizio del mese di maggio.
Venerare, ricordare, pregare Maria è sempre fonte di copiosi frutti spirituali.
Celebrare il mese mariano, soprattutto con la recita quotidiana del S. Rosario, significa rivolgersi a Colei che più da vicino vive con il Signore.
Maria, come a Cana di Galilea, per noi a Cristo suo figlio dice: “non hanno più vino”; e a noi dice:”fate come Egli vi dirà”!
Lei è la “lettera” di Dio “scritta non con inchiostro, ma con lo Spirito del Dio vivente, non su tavole di  pietra, ma su tavole di carne”.
Tale lettera [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

LA CASSA DELLE RELIQUIE DI SANT’AGATA AD ALI’: «BENTORNATA!»

Questa mattina gli aliesi hanno accolto con grande fervore la cassa che 890 anni fa’ contenne le reliquie della Santa Patrona.
20-08-16

La giornata di oggi, 20 agosto 2016, seconda giornata di Festa Grande 2016, è destinata ad essere scritta in maniera indelebile nella storia del paese di Alì. Alle ore 10 e 30, un nutrito corteo, composto dai Ciliari, dalle due bambine, e da molti cittadini aliesi, ha accolto all’entrata del paese la cassa che contenne le spoglie di Sant’Agata durante il loro viaggio da Costantinopoli a Catania. L’entrata nel Duomo è stata scandita da scroscianti applausi, segno dell’emozione provata dai tantissimi aliesi presenti, nel vedere la sacra reliquia tornare ad Alì dopo ben 890 anni.

Il parroco di Alì, Don Vincenzo D’Arrigo, ha voluto esprimere la propria commozione nel vedere il coperchio della cassa esposto sotto il frammento osseo custodito ad Alì insieme alla statua di Sant’Agata. «C’è bisogno di una sola parola per descrivere tutto ciò» ha affermato Padre Vincenzo, «Bentornata! La parola giusta è “Bentornata”!». Padre Vincenzo ha voluto anche ricordare che la cassa che ha custodito le reliquie, che dal 1126 è sempre stata gelosamente conservata nella città di Catania, è raffigurata sui pannelli che ricoprono il grande portone principale del Duomo di Alì, poiché sugli stessi pannelli nel 1996, con parte del ricavato della Festa Grande di quell’anno, si è voluto rappresentare proprio l’arrivo delle spoglie della martire catanese ad Alì, che avvenne nel lontano 17 agosto 1126. Dopo i ringraziamenti del Parroco alle autorità catanesi che hanno autorizzato il trasporto della cassa ad Alì, anche il sindaco, Pietro Fiumara, ha voluto esternare la propria emozione nel vivere questo momento così importante per la comunità.

Molte parti della cassa originaria sono andate perdute, in parte per il tempo trascorso e in parte per la realizzazione di reliquie più piccole. La parte della cassa custodita a Catania, e giunta oggi nel paese di Alì, è quella centrale, e si presenta come un pannello di legno segnato dal passare dei secoli. Il pannello è custodito in una teca di vetro con cornice in legno dorato, sul quale è installato un apposito coperchio. Il coperchio, una volta aperto, mostra ai devoti il pannello originale con l’iscrizione in latino, che descrive l’avvenimento del trasporto delle spoglie di Sant’Agata. Durante l’apertura del coperchio, avvenuta questa mattina nel Duomo, gli aliesi hanno vissuto un momento di particolare commozione.

Per il trasporto della reliquia da Catania ad Alì, erano oggi presenti il Rettore del Santuario Sant’Agata al Carcere, Padre Carmelo Asero, che ha presieduto la messa, e una delegazione del Coordinamento liturgico XXII Vicariato dell’Arcidiocesi di Catania. Al termine della messa, Padre Vincenzo ha voluto far presente che mai come in questa Festa Grande la comunità aliese ha voluto riscoprire la Festa sotto il profilo culturale, ricercando e studiando le origini del culto aliese per Sant’Agata.

Filippo Roma




twitter logo

"Restiamo uniti al Signore Gesù mediante l’ascolto della Parola, i sacramenti, la vita fraterna e il servizio agli altri."

Tweetato il 19 Maggio da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.