Dal 21 aprile hanno avuto inizio i "Martedì in onore di S. Agata". S. Messa alle ore 18.30.

CALENDARIO PARROCCHIALE

Settembre

Domenica 27


Lunedi 28


Martedi 29


Mercoledi 30


Ottobre

Giovedi 1


Venerdi 2


Sabato 3


LITURGIA

San Rocco, uno dei santi taumaturghi più popolari in Occidente.

Tutti lo invocavano tra il Medioevo e l’Ottocento in occasione del rinnovarsi delle epidemie di peste.
11-08-20



San Rocco è per questo anche uno dei santi occidentali più raffigurati.

Lo rappresentarono ogni genere di artisti: tanto quelli semplici dell’arte popolare, quanto alcuni tra i più gettonati come Tintoretto, Michelangelo, Ludovico Carracci, Guido Reni, Botticelli.

E tutti lo hanno dipinto o scolpito nello stesso modo, in un modo che serve a ricordare la sua storia, la storia di un pellegrino, con bastone, mantello, bisaccia, sandali, che va, nonostante una piaga sulla gamba, che cammina in compagnia di un cane, suo unico amico.

Rocco non era italiano, ma francese. Nacque a Montpellier in una famiglia agiata della grande borghesia mercantile tra il 1345 ed il 1350.

Secondo la tradizione, una volta [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

AD ALI’ UNA DELEGAZIONE CATANESE PARTECIPA ALLE MANIFESTAZIONI PER LA FESTA GRANDE: «AFFASCINATI DALLE ATTIVITA’ DI PREPARAZIONE»

I Ciliari del Pane hanno consegnato al presidente dell’Associazione Etna ‘ngeniousa, una forma di pane azzimo che sarà custodita in quello che fu il carcere di S. Agata, proprio sopra l’altare.
03-08-16

Un filo rosso lega le comunità di Alì e Catania, rosso come il sangue del martirio, come il taumaturgico velo che tante volte ci ha protetto dal fuoco del Vulcano. Un legame reso ancora più forte da un comune senso di appartenenza che la festa di Sant’Agata significa per le due comunità.

L’Associazione Etna ‘ngeniousa, fin dalla sua fondazione, ed ancora prima nell’attività professionale e negli studi dei suoi componenti, ha sempre riservato una particolare attenzione alle tradizioni agatine, ai luoghi del martirio e alla diffusione del culto cui negli anni abbiamo dedicato anche diversi momenti di approfondimento, attraverso passeggiate culturali, conferenze ed interviste tv.

Da sempre in questa nostra attività abbiamo riservato grande attenzione ad Alì e alla Festa Ranni, affascinati dalla sua simbologia e ancora di più dalla coralità delle attività di preparazione, che la rendono unica e ne fanno davvero una festa di popolo. Esattamente come avviene a Catania, in occasione della festa di Febbraio, il cui carattere più autentico è quello della celebrazione – attraverso l’immagine della Patrona – dell’identità cittadina e della sua storia.

Per questo appena è stato possibile, domenica scorsa 31 Luglio, siamo stati felici di unirci ai preparativi nel festoso cammino di avvicinamento ad un evento così unico e speciale. In questa occasione ci siamo sentiti davvero parte di una comunità, che gioiosa e compatta prepara al momento centrale della propria vita collettiva. Abbiamo ballato e fatto festa insieme ai Ciliari delle Ragazze, durante il loro cammino attraverso le strade di Alì Terme nella raccolta dell’oro e poi nel pomeriggio abbiamo osservato ammirati la maestria, la dedizione e la gioia con cui grandi e piccini si dedicavano alla creazione delle forme di pane. Dai grandi capolavori creati dall’esperienza a quelli più semplici ma altrettanto preziosi, creati da mani più piccole ma ricche di fantasia.

Il nostro impegno non finisce qui, sarà per noi un piacere ed un onore tornare nei giorni clou della festa, in particolare il giorno 20 per accompagnare la cassa con cui furono trasportate le reliquie e che dopo 890 anni torna a passare attraverso le strade di Alì, poi per un incontro sulle origini e la diffusione del culto agatino ed infine, il 21 Agosto per il momento conclusivo e culminante della Festa. Sarà un modo per rinsaldare ancora di più i legami fra le due comunità agatine, ed in particolare fra la comunità di Alì e la nostra Associazione, sempre rivolta alla valorizzazione ed alla scoperta del territorio.

Matilde Russo

Presidente dell’Associazione Etna ‘ngeniousa

Il capo cartella, Giuseppe Triolo, ha consegnato una forma di pane al presidente dell'Associazione catanese, Matilde Russo (nella foto in alto), che sarà conseganta al Rettore del Santuario S. Agata al Carcere per essere custodita all'interno di quello che fu il carcere di S. Agata (nella foto in basso). Sarà collocata sull'altare, proprio ai piedi della statua.




twitter logo

"Il #Vangelodioggi (Mt 21,28-32) chiama in causa il modo di vivere la vita cristiana, che non è fatta di sogni o di… https://t.co/wirftCWBYG"

Tweetato il 27 Settembre da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.