Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Maggio

Domenica 19 · S. Pietro Celestino; S. Crispino da Viterbo

Benediro' il tuo nome per sempre, Signore.

At 14,21b-27; Sal 144; Ap 21,1-5a; Gv 13,31-33a.34-35.

Ore 17,30 - Oratorio
Ore 19,00 - S. Messa


Lunedi 20 · S. Bernardino da Siena; S. Lidia

Non a noi, Signore, ma al tuo nome da' gloria.

At 14,5-18; Sal 113B; Gv 14,21-26.


Martedi 21 · Ss. Cristoforo Magallanes e c.; S. Carlo Eugenio de Mazenod

I tuoi amici, Signore, proclamino la gloria del tuo regno.

At 14,19-28; Sal 144; Gv 14,27-31.

Chiesa Madre:
Ore 18,00 - S. Rosario
Ore 18,30 - S. Messa


Mercoledi 22 · S. Rita da Cascia ; S. Giulia

Andremo con gioia alla casa del Signore.

At 15,1-6; Sal 121; Gv 15,1-8.

Piazzetta S. Rita:
ore 18,00 - Rosario
ore 18,30 - S. Messa


Giovedi 23 · S. Desiderio; S. Onorato

Annunciate a tutti i popoli le meraviglie del Signore.

At 15,7-21; Sal 95; Gv 15,9-11.

Chiesa del Rosario:
ore 18,00 - S. Rosario
ore 18,30 - S. Messa


Venerdi 24 · B.V. Maria Ausiliatrice; S. Vincenzo di Lerins; S. Servulo

Ti lodero' fra i popoli, Signore.

At 15,22-31; Sal 56; Gv 15,12-17.


Sabato 25 · S. Beda ; S. Gregorio VII ; S. Maria M. de’ Pazzi

Acclamate il Signore, voi tutti della terra.

At 16,1-10; Sal 99; Gv 15,18-21.


LITURGIA

"ECCO IL MAGGIO A NOI RITORNA"

Il mese di maggio è dedicato alla Madonna
01-05-19


“Ecco il maggio a noi ritorna…”, così,una popolare canzoncina dedicata alla Madonna per l’inizio del mese di maggio.
Venerare, ricordare, pregare Maria è sempre fonte di copiosi frutti spirituali.
Celebrare il mese mariano, soprattutto con la recita quotidiana del S. Rosario, significa rivolgersi a Colei che più da vicino vive con il Signore.
Maria, come a Cana di Galilea, per noi a Cristo suo figlio dice: “non hanno più vino”; e a noi dice:”fate come Egli vi dirà”!
Lei è la “lettera” di Dio “scritta non con inchiostro, ma con lo Spirito del Dio vivente, non su tavole di  pietra, ma su tavole di carne”.
Tale lettera [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

GIUBILEO ALIESE: COS’E’ E COME FUNZIONA L’INDULGENZA PLENARIA

L’”Anno Santo” ad Alì si chiuderà il 12 febbraio 2017. Le condizioni per cancellare la pena temporale.
11-06-16

Tanti chiedono, in questo periodo giubilare, cosa sia l’indulgenza plenaria. Cercherò brevemente di illustrarne il significato e le condizioni per poterla acquistare.

L'indulgenza plenaria è una dottrina della Chiesa cattolica che prevede la possibilità di cancellare la pena temporale di un peccato, ovvero di quelle pene che si dovrebbero scontare in Terra con preghiere e penitenze o, nell'Aldilà, con il Purgatorio. Il peccato ha infatti due conseguenze, la pena eterna – che si cancella con la confessione – e appunto la pena temporale. L'indulgenza plenaria (come quella parziale, che si riferisce solo a una parte delle pene temporali) permette a chi ne beneficia di estinguere le conseguenze del peccato non purificate dalla confessione.

Nel  passato, ci sono stati abusi nell’utilizzo dell’indulgenza, abusi che hanno portato pure alla rottura dell’unità del popolo cristiano (vedi riforma protestante) vendendo le indulgenze specialmente ai regnanti e ai nobili in cambio di denaro, tanto poi da essere caduta in disuso: è però ancora prevista dalla dottrina e nella Costituzione Apostolica per mano di Paolo VI.

L’indulgenza è parziale o plenaria a seconda che liberi in parte, o in tutto, dalla pena temporale dovuta ai peccati

L'indulgenza plenaria è quindi un evento eccezionale solitamente riservato agli anni giubilari, e in queste occasioni viene garantita  anche a tutti coloro che  assistono ad una celebrazione  tramite qualsiasi canale tecnologico.

Ma come funziona l'indulgenza plenaria? Per cominciare bisogna essere cattolici battezzati e non essere in peccato mortale: per ottenere l'indulgenza, bisogna confessarsi e prendere la Comunione entro 7 giorni dalla concessione dell'indulgenza, ma va bene anche se la confessione e la Comunione è avvenuta nei 7 giorni precedenti. Solo a questo punto l'indulgenza plenaria è effettivamente valida per il fedele.

Vi offro un piccolo elenco di pratiche per cui si ottiene l’indulgenza:

  1. Adorazione eucaristica per almeno mezz’ora;
  2. Lettura o ascolto della Sacra Scrittura per almeno mezz’ora;
  3. Via Crucis;
  4. Rosario Mariano;
  5. Visita, in forma di pellegrinaggio, ad una Chiesa giubilare, recitando il Credo e pregando secondo le intenzioni del Sommo Pontefice con un Padre Nostro ed un’Ave Maria.

Non sono da trascurare, poi, le:

Opere di misericordia: per esempio, rendere visita ai fratelli nel bisogno o in difficoltà (persone malate, detenuti, persone anziane sole, persone handicappate, ecc.), compiendo un pellegrinaggio verso il Cristo presente in essi, oppure sostenere con un contributo significativo opere a carattere religioso o sociale, in favore dell'infanzia abbandonata, della gioventù in difficoltà, delle persone anziane indigenti, degli stranieri).  

Opere di penitenza: per esempio, almeno per un giorno, astenersi da consumazioni superflue (tabacco, bevande alcoliche, ecc.), o digiunare ed offrire una somma adeguata ai poveri.

Come si vede, acquisire l’indulgenza, non è qualcosa di automatico che scatta in determinate situazioni, richiede impegno, quell’impegno che si chiama: Conversione.

Padre Vincenzo




twitter logo

"Restiamo uniti al Signore Gesù mediante l’ascolto della Parola, i sacramenti, la vita fraterna e il servizio agli altri."

Tweetato il 19 Maggio da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.