Dal 21 aprile hanno avuto inizio i "Martedì in onore di S. Agata". S. Messa alle ore 18.30.

CALENDARIO PARROCCHIALE

Ottobre

Venerdi 30


Sabato 31


Novembre

Domenica 1


Lunedi 2


Martedi 3


Mercoledi 4


Giovedi 5


LITURGIA

San Rocco, uno dei santi taumaturghi più popolari in Occidente.

Tutti lo invocavano tra il Medioevo e l’Ottocento in occasione del rinnovarsi delle epidemie di peste.
11-08-20



San Rocco è per questo anche uno dei santi occidentali più raffigurati.

Lo rappresentarono ogni genere di artisti: tanto quelli semplici dell’arte popolare, quanto alcuni tra i più gettonati come Tintoretto, Michelangelo, Ludovico Carracci, Guido Reni, Botticelli.

E tutti lo hanno dipinto o scolpito nello stesso modo, in un modo che serve a ricordare la sua storia, la storia di un pellegrino, con bastone, mantello, bisaccia, sandali, che va, nonostante una piaga sulla gamba, che cammina in compagnia di un cane, suo unico amico.

Rocco non era italiano, ma francese. Nacque a Montpellier in una famiglia agiata della grande borghesia mercantile tra il 1345 ed il 1350.

Secondo la tradizione, una volta [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

La Festa di S. Maria del Bosco

Quest’anno i festeggiamenti si terranno sabato 10 e domenica 11 settembre.
03-09-16

Ad Alì la Vergine Maria è venerata con il titolo di Madonna del Bosco (o de Nemore). La chiesetta che porta questo nome si trova nell’omonima contrada ai piedi del monte Scuderi. I festeggiamenti solenni si svolgono in paese la seconda domenica di settembre.

Verso metà luglio iniziano i “Sabati” in onore della Madonna. Il primo “Sabato”, processionalmente, la statua viene trasferita nella chiesa a lei dedicata.

Qui per nove Sabati, sarà celebrata la S. Messa alle 7 del mattino. L’ultimo Sabato, che coincide con la vigilia della festa, nel pomeriggio, dopo i giochi tradizionali (“a ‘ntinna” e “i pignateddi”) e la S. Messa, il simulacro della Vergine fa ritorno in paese. L’indomani, domenica, la festa si svolge totalmente in centro. Oltre alle celebrazioni Eucaristiche, la banda musicale, la processione, la serata di musica leggera, lo spettacolo pirotecnico, il sorteggio del vitello, bisogna ricordare anche la tipica “carne infornata” e i tradizionali “ruteddi pacci” e “u sciccareddu”.


“U sciccareddu e l’omu sabbaggiu”

E’ uno spettacolo pirotecnico di antica tradizione e si svolge domenica a conclusione dei 
festeggiamenti mariani. Un uomo all’interno di una struttura in ferro e carta pesta dà vita allo “sciccareddu”, un altro, invece, impersona l’”uomo selvaggio”, intento a domare l’asino. Sia dalla struttura a forma di equino che dall’attrezzo agricolo che utilizza il domatore, sgorgano coloratissimi mortaretti e fiaccolate che durante la danza dei due, su una piazza gremita, fanno indietreggiare gli astanti. Dallo “sciccareddu” ad un certo punto si avviano anche “i ruteddi pacci” (le ruote pazze), che una volta accesesi ruotando velocemente creano un vortice variopinto e scoppiettante. La musica della banda e i botti fanno il resto. La pantomima rappresenta antichi vissuti di vita agricola.

R.R.

© RIPRODUZIONE VIETATA




twitter logo

"Sono vicino alla comunità cattolica di #Nizza, in lutto per l’attacco che ha seminato morte in un luogo di preghier… https://t.co/nVSgbDoD5C"

Tweetato il 29 Ottobre da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.