Benvenuti!

CALENDARIO PARROCCHIALE

Dicembre

Domenica 17 · 3.a Domenica Avvento - S. Modesto, S. Giovanni di Matha

La mia anima esulta nel mio Dio.

Liturgia: Is 61,1-2.10-11; Cant. Lc 1,46-50.53-54; 1Ts 5,16-24; Gv 1,6-8.19-28.

Catechismo ore 16,00.
Novena e S. Messa ore 17,30.


Lunedi 18 · Feria di Avvento - S. Graziano vescovo

Nei suoi giorni fioriranno giustizia e pace.

Liturgia: Ger 23,5-8; Sal 71; Mt 1,18-24.

S. Messa 0re 5,30.


Martedi 19 · Feria di Avvento - S. Fausta, S. Dario

Cantero' senza fine la tua gloria, Signore.

Liturgia: Gdc 13,2-7.24-25a; Sal 70; Lc 1,5-25.

S. Messa 0re 5,30.


Mercoledi 20 · Feria di Avvento - S. Liberato martire

Ecco, viene il Signore, re della gloria.

Liturgia: Is 7,10-14; Sal 23; Lc 1,26-38.

S. Messa 0re 5,30.


Giovedi 21 · Feria di Avvento - S. Pietro Canisio

Esultate, o giusti, nel Signore; cantate a lui un canto nuovo.

Liturgia: Ct 2,8-14 opp. Sof 3,14-17; Sal 32; Lc 1,39-45 - Amb.: Rt 2, 19-3, 4a; Sal 18 (17), 26-29. 36-37; Est 7, 1-6; 8, 1-2; Lc 1, 57-66.

S. Messa 0re 5,30.


Venerdi 22 · Feria di Avvento - S. Francesca Cabrini

Il mio cuore esulta nel Signore, mio Salvatore.

Liturgia: 1Sam 1,24-28; Cant. 1Sam 2,1.4-8; Lc 1,46-55.

S. Messa 0re 5,30.


Sabato 23 · Feria di Avvento - S. Giovanni da Kety

Leviamo il capo: e' vicina la nostra salvezza.

Liturgia: Ml 3,1-4.23-24; Sal 24; Lc 1,57-66.

Novena e S. Messa ore 17,30.


LITURGIA

“ SARAUSANA JE’ ”

13 dicembre: S. Lucia
11-12-17


Siamo nel IV secolo, in Sicilia, a Siracusa. Lucia è una giovane  di una buona famiglia, fidanzata ad un concittadino e destinata ad un buon futuro di moglie e madre. La mamma si ammala e Lucia si reca in preghiera a Catania, sulla tomba di Sant'Agata, per invocarne la guarigione. Qui la Santa le appare e le chiede di dedicare la sua giovane vita all'aiuto dei più poveri e deboli, predicendole il martirio.
Lucia torna a Siracusa e trova la mamma [leggi tutto]


leggi tutte..

Notizie da chiesacattolica.it


mail Contatta la Parrocchia
parrocchia@santagataali.it

La Storia

01-12-14

Alì sarebbe stato fondato nel 638 a.C. da colonizzatori provenienti dall’Elide, regione della Grecia. Lo stesso nome della cittadina deriverebbe da Elide.

Il primo insediamento urbano sarebbe nato su un promontorio oggi chiamato Mollerino o Modderino o Migliorvino, nei pressi dell’attuale Capo Alì. Le numerosissime invasioni da parte di pirati, data la vicinanza con il mare, avrebbero fatto sì che gli abitanti si spostassero più in alto, su monte Scuderi. Qui, sarebbero stati senza dubbio protetti dai pirati ma non certo dalle condizioni climatiche invernali, essendo la località piuttosto esposta ai venti impetuosi.

Così, anche questo secondo sito venne abbandonato per dare vita all’attuale insediamento, più a valle. L’esistenza dei primi due abitati sarebbe dimostrata dal ritrovamento di resti di edifici e di mura, sepolture, vasi e monete. L’antico nome, Elim, finì col diventare Alì.

Queste sono le notizie storiche forniteci nel 1754 da Fra’ Serafino d’Alì nel suo manoscritto Storia di Alì.

Tuttavia è ipotizzabile anche la fondazione da parte dei musulmani. In questo caso la denominazione potrebbe derivare dal Califfo Alì, genero di Maometto, ed invero l’etimologia “ali” comproverebbe l’origine araba del paese.

 

L’abitato è distribuito su un terreno in forte pendenza ed è caratterizzato da numerose chiese e palazzi signorili. La maggior parte dei monumenti civili e religiosi sono della fine del Cinquecento: poche tracce rimangono del medioevo. L’imponenza e la raffinatezza di questi monumenti, spesso in contrasto con l’edilizia spontanea e semplice dell’abitato, è di chiaro stampo manierista, al punto da far ritenere Alì, dopo la distruzione del centro storico di Messina, una sorta di piccola “capitale” del manierismo siciliano. Non abbiamo, infatti, una simile concentrazione di edifici coevi in nessun altro centro del messinese.

Di questa importante stagione culturale, il Duomo risulta esserne il principale esempio architettonico.




twitter logo

"Ci si santifica lavorando per gli altri, prolungando così nella storia l’atto creatore di Dio."

Tweetato il 16 Dicembre da Papa Francesco


s.agata logo
candela

Antonia
per
i propri defunti
22-10-15

candela

Antonio
per
In onore di S. Agata
10-03-15

candela

Agata
per
i propri cari
26-01-15

candela

Maria
per
in onore di S.Agata
16-01-15

candela

Paolo
per
Nonna Sara
28-12-14


fai una donazione e
Accendi una candela


Tutte le Opere Parrocchiali vivono della Generosità delle Vostre Offerte
Versamento su C/C Postale 10633980
intestato a:
Parrocchia S. Agata - ALI'



Tutte le richieste di sottoscrizione/cancellazione richiedono una conferma via mail.